Poesie

Un Angelo chiamato Nonno

Mi chiamo Samantha,
vorrei parlarti della mia storia
della mia anima affranta
e di un uomo di cui ho memoria.

Non aveva sangue blu
Né soldi in quantità
Ma era più ricco di Re Artù
Perché la nobiltà d’animo è una rarità.

Ricordo bene il suo nasone arrossato
Il suo sorriso e la carnagione scura
Era di tanti un amico fidato
E di me si è sempre preso cura.

Chissà quante volte avrò chiesto il suo aiuto
Pur sapendo che era molto impegnato
Ma nonostante tutto è sempre venuto
Ora lo so quanto m’ha amato.

Parlavamo tanto durante il giorno
Stavamo fuori sulla terrazza
Col pensiero spesso ci ritorno
Al ricordo il mio cuore impazza.

Se solo avessi saputo che presto l’avrei perso
Avrei fatto di tutto per tenerlo a me più stretto.
Quel che provavo oggi non è diverso
La sua mancanza ancora non l’accetto.

“Cosa c’è dopo la morte?”
Glielo chiedevo spesso
Sono sempre stata forte
Ma senza lui è dura adesso.

L’amore che mi ha dato non si può dimenticare
Lo sento ancora adesso che mi guarda da lassù
“Nonno, perché te ne sei dovuto andare?
Era tutto più bello quando c’eri tu…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button